Saturday, 23/3/2019 | 1:08 UTC+1
Circolo Svizzero

Svizzera: rapporto della CNPT

Condividi su:

Nel 2017 e 2018 la Commissione nazionale per la prevenzione della tortura (CNPT) ha controllato i centri della Confederazione nel settore dell’asilo e oggi ha pubblicato in un rapporto globale le sue conclusioni e raccomandazioni. Secondo la Commissione, l’alloggio di richiedenti l’asilo da parte della Confederazione è in linea generale conforme ai diritti dell’uomo e a quelli fondamentali.

Ciononostante la CNPT ritiene che in determinati settori siano possibili miglioramenti, soprattutto per quanto riguarda le perquisizioni personali, le misure disciplinari, l’identificazione delle vittime della tratta di esseri umani e di altre persone vulnerabili nonché l’accesso alle cure psichiatriche di base.

Secondo quanto constatato dalla Commissione, nella maggior parte dei centri il personale di sicurezza ha sottoposto a una perquisizione personale tutte le persone adulte a ogni loro rientro nel centro. In un centro questa prassi è stata applicata anche a tutti i minori, il che ha suscitato la critica del CNPT. Quest’ultima raccomanda alla Segreteria di Stato della migrazione (SEM), di adeguare la prassi vigente e di eseguire perquisizioni personali soltanto in caso di sospetto concreto rinunciando in linea di principio alla perquisizione di minori.

La CNPT ha esaminato anche la gestione delle misure disciplinari apprezzando che esse siano iscritte in un registro e che sia a disposizione un modulo per i ricorsi
Secondo la CNPT, il personale assistente e di sicurezza non è in possesso di direttive chiare per l’identificazione delle vittime della tratta di esseri umani tra i richiedenti l’asilo.
La Commissione raccomanda pertanto alla SEM di elaborare un sistema per l’identificazione delle vittime della tratta di esseri umani e di altre persone vulnerabili, valido per tutti i centri della Confederazione.

La CNPT accoglie con favore lo screening medico dei richiedenti l’asilo eseguito da una persona specializzata in occasione dell’arrivo al centro. Nei suoi sopralluoghi ha invece constatato che l’accesso alle cure psichiatriche è spesso difficile ed è di regola riservato ai casi d’emergenza.

Fino alla revoca del divieto generale, giudicata in modo particolarmente positivo dalla CNPT, nei centri della Confederazione l’uso dei cellulari era vietato in ogni momento e ovunque. Dalla primavera 2017 i rifugiati possono usare un cellulare durante il giorno. La maggior parte dei centri dispone nel frattempo di un accesso senza fili a Internet. Secondo il parere di tutte le persone coinvolte, entrambe le misure agevolano i contatti dei richiedenti l’asilo, in particolare con i familiari, e l’accesso alle informazioni (media). Dal riscontro dei responsabili emerge che l’uso regolamentato del cellulare e l’accesso a Internet hanno nel complesso ripercussioni positive anche per la sicurezza e la convivenza nei centri.

Tra luglio 2017 e luglio 2018, fondandosi sull’incarico conferitole dalla legge, la Commissione ha visitato 11 centri della Confederazione. Nei sopralluoghi non annunciati la CNPT ha controllato il rispetto dei diritti dell’uomo e di quelli fondamentali nell’alloggio dei richiedenti l’asilo.

Photo: Pixabay.com

Contatti

[@]direzione@svizzeri.ch
[T]+39 06 4402109
Avvertenze e Privacy
Società Svizzera S.S.D.
P.IVA 14081081003
C.F. 97707560583

link amici

link utili