Sunday, 31/5/2020 | 6:56 UTC+2
Circolo Svizzero

Covid-19 e migranti

Condividi su:

Numerosi migranti, residenti all’estero, inviano periodicamente una parte del reddito alle proprie famiglie che risiedono nel Paese di origine. A causa della pandemia di COVID-19, i Paesi a basso reddito stanno assistendo a una drastica riduzione dell’afflusso di questo denaro dall’estero. La Svizzera, il 22 maggio 2020, in stretta collaborazione con il Regno Unito, ha pertanto lanciato un appello con cui si chiede alla Comunità internazionale che vengano garantiti i canali di circolazione di tali fondi per preservare l’accesso delle comunità più indigenti a questi mezzi finanziari vitali.

Le rimesse inviate dai migranti rappresentano la base esistenziale per molte famiglie nei Paesi a reddito medio o basso. Per numerosi Paesi, questi trasferimenti di fondi costituiscono attualmente, o spesso superano, il 25 per cento del PIL.

Nei Paesi a reddito medio o basso, per il 2020 la Banca Mondiale prevede una diminuzione delle rimesse di circa il 20 per cento – ovvero di 110 miliardi di dollari US. Senza i trasferimenti di fondi effettuati dalle persone emigrate e dai membri della diaspora, moltissime famiglie non potranno più affrontare le spese per i beni e i servizi di prima necessità, come il cibo, l’abitazione, l’istruzione e le cure mediche. Questo può anche portare ad un aumento della pressione migratoria.

Per questo motivo la Svizzera ha oggi lanciato un appello internazionale affinché «le rimesse continuino ad affluire anche durante la crisi». L’appello è frutto della collaborazione con il Regno Unito e con varie organizzazioni multilaterali per lo sviluppo (p. es. il Fondo delle Nazioni Unite per il finanziamento dell’attrezzatura-capitale UNCDF, la Banca Mondiale, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni OIM e il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite PNUS) e attori finanziari privati.

L’obiettivo dell’appello è garantire che le rimesse possano essere effettuate senza ostacoli in tutto il mondo anche durante la pandemia di COVID-19, in modo che le famiglie dei migranti possano continuare a ricevere questo supporto fondamentale evitando di sprofondare nella povertà. Le misure di contenimento della COVID-19 e la chiusura degli uffici di cambio e di trasferimento di denaro («money transfer») rendono a volte difficile, se non impossibile, trasferire questi fondi. L’invito ad agire punta in primis a migliorare l’accesso dei migranti alle possibilità di trasferimento dei fondi fornendo loro un maggior numero di opzioni di trasferimento digitali. In secondo luogo intende incoraggiare i governi di tutti i Paesi, ma anche le autorità di regolamentazione ed i fornitori di servizi, a sostenere le rimesse. Infine vuole sensibilizzare i migranti in merito alle nuove possibilità, comprese le opzioni di trasferimento digitale.

“Le rimesse sono importanti, ma difficili a causa di COVID-19. Facciamo in modo che le barriere siano rimosse in tutto il mondo. Le nuove tecnologie possono essere d’aiuto in questo caso”, ha sottolineato il consigliere federale Ignazio Cassis. Fonte: admin.ch
photo: pixabay

[@]direzione@svizzeri.ch
[T]+39 06 4402109
Avvertenze e Privacy
Società Svizzera S.S.D.
P.IVA 14081081003
C.F. 97707560583