Monday, 6/7/2020 | 8:04 UTC+2
Circolo Svizzero

Il Consiglio federale intende semplificare l’accesso ai trattamenti a base di canapa medicinale

Condividi su:

Berna, 24.06.2020 – Il Consiglio federale intende semplificare l’accesso ai trattamenti a base di canapa medicinale. Nella sua seduta del 24 giugno 2020, ha trasmesso al Parlamento il messaggio concernente la modifica della legge sugli stupefacenti (LStup), che prevede la possibilità per i pazienti di avere accesso a trattamenti a base di canapa su prescrizione medica senza dover richiedere un’autorizzazione eccezionale dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Tuttavia le prescrizioni saranno soggette a monitoraggio. La situazione invece non cambia per la canapa per uso ricreativo, che resta tuttora vietata.

Già oggi migliaia di pazienti ricevono canapa medicinale nel quadro del loro trattamento, soprattutto quelli affetti da cancro o sclerosi multipla, per i quali la canapa può alleviare i dolori cronici.

Attualmente i medici che intendono prescrivere un trattamento a base di canapa devono, nella maggior parte dei casi, richiedere un’autorizzazione eccezionale all’UFSP. Questa procedura complica l’accesso al trattamento ritardandone l’inizio e non è più appropriata visto il numero crescente di domande. Nel 2019 l’UFSP ha rilasciato circa 3000 autorizzazioni, alle quali si aggiungono, data la complessità della procedura, i pazienti che si riforniscono di canapa direttamente sul mercato illegale.

Abrogazione del divieto di uso della canapa medicinale

Al fine di semplificare l’uso della canapa medicinale, il Consiglio federale propone di abrogare l’attuale divieto nella legge sugli stupefacenti. La decisione fondamentale in merito all’opportunità di ricorrere a un medicamento a base di canapa spetterà al medico e al paziente. Resta vietata, invece, la canapa per uso ricreativo. In occasione della procedura di consultazione, sia i Cantoni sia i partiti politici sia gli ambienti interessati hanno sostenuto il principio della modifica di legge.

Coltivazione ed esportazione autorizzate

La coltivazione, la fabbricazione e la messa in commercio di canapa medicinale saranno possibili nel quadro del sistema si autorizzazione e di controllo assicurato da Swissmedic. Altrettanto vale per l’esportazione di canapa a fini medici. L’adeguamento in parallelo della legislazione agricola permetterà anche all’agricoltura di beneficiare dell’abrogazione del divieto.

Monitoraggio e valutazione auspicati dai Cantoni

Al fine di seguire l’evoluzione dell’uso della canapa medicinale e di aumentare le conoscenze sulla sua efficacia, sarà istituita una raccolta di dati sistematica per una durata prestabilita. Inoltre i medici curanti avranno l’obbligo di trasmettere all’UFSP i dati relativi ai trattamenti a base di canapa, incluso l’uso dei relativi medicamenti. Questi dati serviranno da un lato come base per la valutazione scientifica delle misure derivanti da questa revisione e, dall’altro, come riferimento per gli uffici dei medici e dei farmacisti cantonali, i medici prescriventi e la ricerca clinica.

Esame di una rimunerazione obbligatoria

La rimunerazione dei trattamenti a base di canapa da parte dell’assicurazione obbligatoria delle cure medico-sanitarie non è stata affrontata nel quadro della presente modifica di legge. Questo aspetto sarà oggetto di una valutazione separata, volta segnatamente a esaminare l’efficacia e l’economicità dei trattamenti a base di canapa, che potrebbe preludere a una rimunerazione. Il rapporto in materia è atteso per il 2021.
fonte: admin.ch

About

[@]direzione@svizzeri.ch
[T]+39 06 4402109
Avvertenze e Privacy
Società Svizzera S.S.D.
P.IVA 14081081003
C.F. 97707560583