Monday, 23/9/2019 | 9:46 UTC+2
Circolo Svizzero

Svizzera: conferenza stampa annuale DSC

Condividi su:

In occasione della conferenza stampa annuale della Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) del 5 febbraio, il direttore Manuel Sager ha presentato i punti di forza della DSC per il 2019 e le prospettive del prossimo messaggio concernente la cooperazione internazionale 2021-2024. Esperti di settore hanno fatto il punto sulle attività della Svizzera nel campo dell’acqua, un bene fondamentale per tutti.

La tematica dell’acqua incarna particolarmente bene il mandato della DSC, che opera per alleviare le condizioni di disagio delle popolazioni più povere, preservare le risorse naturali e creare prospettive economiche sostenibili, intervenendo così a favore della pace e della stabilità nel mondo.

L’acqua dolce è una risorsa limitata. I cambiamenti climatici, l’aumento della popolazione mondiale, le nuove abitudini di consumo e i nuovi ritmi di produzione ne mettono a dura prova le riserve globali e problemi di difficoltà di accesso o di approvvigionamento di acqua riguardano tutto il mondo.

La gestione dell’acqua è un dossier particolarmente complesso, presente nelle discussioni della comunità internazionale: 153 Paesi condividono fiumi, falde freatiche o laghi con uno o più vicini. La Svizzera dispone di conoscenze avanzate in questo ambito e, grazie alla sua esperienza nella gestione transfrontaliera delle risorse idriche – tra cui grandi fiumi europei come il Rodano e il Reno o i laghi a cavallo delle sue frontiere –, può contribuire a individuare soluzioni in altre regioni del mondo.

Anche la DSC vanta una lunga tradizione in materia di progetti di cooperazione legati all’acqua: favorisce l’accesso agli abitanti delle zone rurali, delle piccole città e delle zone periurbane ad acqua potabile pulita e a servizi igienico-fognari di base e aiuta a realizzare all’estero nuove soluzioni politiche e tecniche per gestire questa preziosa risorsa in maniera sostenibile. Nello specifico, la DSC interviene a vari livelli affinché l’acqua sia accessibile nel tempo a tutti gli utenti.

Danilo Türk, professore emerito dell’Università di Lubiana ed ex presidente della Slovenia, invitato dalla DSC a partecipare alla conferenza stampa, ha ricordato quanto sia urgente un’azione internazionale «dato che l’acqua è l’unica alternativa all’acqua»: non esiste una soluzione sostitutiva.
Türk ha presentato l’iniziativa lanciata dalla Svizzera «Blue Peace», uno strumento di prevenzione dei potenziali conflitti legati all’acqua, e ha sottolineato l’importanza del lavoro svolto dalla Svizzera in questo ambito.

Per garantire a tutti l’accesso ad acqua pulita, è indispensabile una collaborazione tra governi, società civile ed economia privata; dal canto suo, la DSC crea legami a livello politico e facilita gli scambi di conoscenze tecniche. Gli obiettivi dell’Agenda 2030 sottolineano la necessità di un impegno, da parte di tutti gli utenti (industria, agricoltura, economie domestiche), a favore di un migliore impiego delle risorse idriche. La DSC collabora dunque anche con il settore privato per la ricerca di soluzioni.

Oltre alle priorità relative alla riduzione della povertà e alla sicurezza umana, nel nuovo messaggio 2021-2024 sarà data, a giusto titolo, maggiore enfasi agli aspetti economici e a una ulteriore mobilitazione del potenziale del settore privato. Saranno inoltre rafforzati i legami strategici tra politica migratoria e cooperazione internazionale. Per quanto riguarda la cooperazione bilaterale allo sviluppo del DFAE, il prossimo messaggio prevede infine di concentrarsi geograficamente su quattro regioni prioritarie: l’Africa del Nord e il Medio Oriente, l’Africa subsahariana, l’Asia (centrale, del Sud e del Sud-Est) e l’Europa dell’Est. (fonte: www.eda.admin.ch)

Photo: Pixabay.com

Contatti

[@]direzione@svizzeri.ch
[T]+39 06 4402109
Avvertenze e Privacy
Società Svizzera S.S.D.
P.IVA 14081081003
C.F. 97707560583

link amici

link utili