Thursday, 12/12/2019 | 10:31 UTC+1
Circolo Svizzero

Dialoghi del Circolo: Il sacrificio degli svizzeri nel Risorgimento italiano

Condividi su:

Il prossimo 4 dicembre per i dialoghi del Circolo al Victoria avremo ospite il dr. Daniele Iadicicco, vicepresidente del Centro studi storici archivistici di Formia e presidente dell’associazione Terraurunca, che ci presenterà i risultati della sua ricerca storica sugli eventi occorsi in occasione della Battaglia di Mola a Formia e Gaeta con particolare riferimento agli svizzeri ivi coinvolti.

L’incontro segue alle giornate di commemorazione dei “Caduti dimenticati dell’Assedio di Gaeta” di cui Formia, al tempo Mola, ne fu il preludio. Tre giorni, tutti dedicati allo studio ed alla rievocazione di un pezzo di storia che ha visto la Svizzera e Formia al centro del dibattito.

La cerimonia che si è svolta il 3 novembre 2019, ha concluso le tre giornate di commemorazione dei “Caduti dimenticati dell’Assedio di Gaeta”. La manifestazione ha avuto inizio venerdì 1° Novembre, con la presentazione dell’Archivio storico Franco Miele presso la Torre di Mola, con la Mostra documentale sulla Battaglia di Mola, curata dal Centro Studi Storico Archivistici di Formia.

In questa occasione sono state ripercorse le tappe che portarono alla Battaglia di Mola che si combatté a Mola di Gaeta il 4 novembre 1860 tra l’Esercito delle Due Sicilie e quello del Regno di Sardegna, in seguito all’impresa dei Mille e all’invasione del Regno delle Due Sicilie da parte di quest’ultimo.

Questo evento bellico, come dimostrato dal Capitano Alessandro Romano, in occasione delle giornate commemorative di novembre, “è stato un vero e proprio massacro in una Formia, che rappresentava il Nord del Sud, molto sviluppato e dove non c’erano truppe campali, ovvero militari”.