Wednesday, 2/12/2020 | 9:06 UTC+1
Circolo Svizzero

Votazioni federali: la Legge sulla caccia

Condividi su:

Il 27 settembre 2020 le cittadine ed i cittadini saranno chiamati a votare sulla modifica della legge sulla caccia.

L’attuale legge sulla caccia definisce quali animali selvatici sono protetti, quali è possibile cacciare ed in quale periodo la caccia è permessa o meno. Da quando questa legge entrò in vigore – nel 1986 – il contesto svizzero è cambiato: i lupi, allora assenti, hanno fatto ritorno. Nel 2019 ne si contavano 80 esemplari e 8 branchi. Questa presenza preoccupa la popolazione e le autorità locali: i lupi si avvicinano ai villaggi, attaccano pecore e capre; nell’ultimo decennio ne hanno ucciso tra le 300-500 all’anno.

Tenuto conto di questo nuovo contesto, il Parlamento ha elaborato nuove regole ed una revisione della legge sulla caccia: il lupo resterebbe una specie protetta ed i branchi preservati. Si permetterebbe ai Cantoni di controllare la crescita e la diffusione dei lupi e di ordinarne l’abbattimento a precise condizioni, prima di aver causato danni. La Confederazione dovrà comunque sempre essere consultata prima di ogni eventuale abbattimento.

Nella revisione si ridefiniscono inoltre le condizioni per il risarcimento dei contadini in caso di uccisione di bestiame da parte del lupo; si accresce la protezione di alcuni animali selvatici e si migliorano gli spazi vitali degli animali selvatici.

Alcune associazioni ambientaliste hanno lanciato un referendum contro la riforma della legge che, a loro avviso, permetterebbe di abbattere preventivamente animali protetti, senza ragione, ancor prima che abbiano commesso un danno. Inoltre il nuovo testo metterebbe in pericolo la protezione delle specie del nostro Paese concedendo al Consiglio federale di inserire nella lista delle specie i cui effettivi possono essere regolati altre specie protette.

Il Consiglio federale ed il Parlamento non contestano questo punto. Tuttavia ricordano che sarà possibile bilanciare altre specie solo se vi saranno motivi oggettivi per farlo. Il Parlamento ha inoltre già escluso che linci, castori, aironi cenerini e smerghi maggiori possano rientrare nella lista degli animali regolamentati nel numero affinché la quantità delle singole specie non oltrepassi la soglia di ricezione del territorio.

La domanda che figura sulla scheda:
Volete accettare la modifica del 27 settembre 2019 della legge federale sulla caccia e la protezione dei mammiferi e degli uccelli selvatici (Legge sulla caccia, LCP)?

Il Consiglio federale ed il Parlamento raccomandano di votare: Si, in quanto ritengono che la legge soddisfi due esigenze importanti: in primo luogo rafforza la protezione di molte specie di animali selvatici ed in secondo luogo offre una soluzione pragmatica per la gestione della crescente popolazione di lupi. Il lupo resta tuttavia una specie protetta ed i branchi rimangono preservati.

Il comitato referendario ritiene che la legge riveduta è «mal concepita» e raccomanda di votare: No, in quanto consente l’abbattimento di animali protetti, senza che questi abbiano causato danni e mette in pericolo la protezione delle specie in Svizzera. Il comitato teme inoltre che il Consiglio federale autorizzi l’abbattimento di altri animali protetti.
Fonte: admin.ch

[@]direzione@svizzeri.ch
[T]+39 06 4402109
Avvertenze e Privacy
Società Svizzera S.S.D.
P.IVA 14081081003
C.F. 97707560583