Monday, 21/5/2018 | 6:55 UTC+2
Circolo Svizzero

La Svizzera condanna le violenze a Gaza

Lo scorso 15 maggio il Dipartimento degli affari esteri ha diffuso un comunicato stampa in cui afferma che: la Svizzera segue con inquietudine la manifestazioni in corso nella striscia di Gaza in occasione della “Marcia del Ritorno” e condanna l’uso della forza da parte di Israele che ha causato la morte di molte decine di persone, tra cui dei bambini, e migliaia di feriti.

La Confederazione chiede che venga rispettato il diritto internazionale ed in particolare il diritto alla vita ed il diritto a manifestazioni pacifiche.

In un contesto teso, legato, come noto, all’apertura della nuova ambasciata americana, la Svizzera richiama tutte le parti in causa a smorzare le tensioni; questo il messaggio che ha comunicato, il 14 maggio, agli Ambasciatori degli Stati Uniti e di Israele a Berna.

La Svizzera invita anche le autorità a Gaza ad assumersi le proprie responsabilità affinché queste manifestazioni si svolgano in modo pacifico.

Alla vista dell’alto numero di feriti e della situazione drammatica degli ospedali della striscia di Gaza, la Svizzera chiede ad Israele di garantire un accesso umanitario rapido e senza ostacoli a tutte le persone in condizione di necessità.

Il 31 marzo, la Svizzera si è associata all’appello del segretario generale delle Nazioni Unite perché sia fatta una inchiesta indipendente e trasparente sugli avvenimenti di queste ultime settimane a Gaza. Oggi ricorda questa necessità.

Il 15 maggio i palestinesi con la Marcia del Ritorno ricordano le decine di migliaia di uccisi e i circa 800.000 profughi che, nel 1948 dopo la sconfitta nella prima guerra arabo-israeliana, furono costretti dagli israeliani a lasciare le loro case. Quest’anno ricorre il 70° anniversario della Nakba, “la Catastrofe”, che li rese profughi.

 

Photo: Pixabay.com

Share

Contatti

[@]direzione@svizzeri.ch
[T]+39 06 4402109
Avvertenze e Privacy
Società Svizzera S.S.D.
P.IVA 14081081003
C.F. 97707560583

link amici

link utili