Sunday, 1/8/2021 | 11:12 UTC+2
Circolo Svizzero

Mali: il dottor Sogoré, al capezzale dei feriti e dei malati a Kidal

Condividi su:

Volontieri riportiamo dal sito web del Comitato Internazionale della Croce Rossa l’articolo del 30 giugno 2021, traduzione non ufficiale di M.Grazia Baccolo, diffuso dal periodico Caffé Dunant nr. 601 del 15 luglio 2021.

Il dottor Siaka Sogoré è un medico del CICR presso il Centro Sanitario di Kidal. Interviene nella cura dei feriti di guerra e delle emergenze che richiedono un intervento chirurgico. Con i suoi colleghi del programma sanitario, fornisce supporto al personale sanitario locale del centro per assistere le comunità.

Dopo gli studi di medicina, il dottor Sogoré è tornato nella sua città natale di Kangaba, un centinaio di chilometri a sud di Bamako. Lì, ha lavorato nel reparto di chirurgia del centro sanitario di riferimento. Un anno dopo, si dedica alla gestione della malnutrizione acuta all’interno dello stesso centro sanitario, ma questa volta a livello pediatrico.

Dopo queste esperienze, nel 2015 coglie un’opportunità di lavoro presso un’organizzazione umanitaria nella regione di Kidal, a più di 1.600 chilometri dalla sua città natale. Accetta di gestire un’équipe medica mobile per le località di Abeïbara e Tessalit verso il confine algerino in un momento in cui i lavoratori di altre regioni e altri paesi, principalmente operatori umanitari, erano riluttanti a farlo.

“Quando ho deciso di venire a lavorare nella regione di Kidal, i miei genitori non erano contenti di questa scelta. La città era a quel tempo l’epicentro del conflitto armato. L’accesso è stato difficile. Ma, il rischio zero non esiste da nessuna parte”, sottolinea il dottor Sogoré, sfoderando un sorriso rassicurante, mentre ci guidava nei corridoi del centro sanitario di riferimento Kidal.

Nel 2016 è entrato a far parte del team del CICR presso il Centro Sanitario di Kidal dove si occupa dei feriti di guerra e di altre emergenze. “Volevo aiutare ad alleviare le sofferenze delle popolazioni colpite dalla crisi”, aggiunge. Per garantire un servizio maggiore, quest’uomo che ha accettato di allontanarsi dalla moglie e dai figli, trascorre gran parte del suo tempo libero al capezzale dei ricoverati. Questo lavoro umanitario gli è valso il rispetto e la considerazione della gente di Kidal.

“Ho ottimi rapporti con la comunità. È un orgoglio vedere la considerazione che mi viene dimostrata quando incontro un ex paziente o un suo accompagnatore”.

Il dottor Siaka fornisce anche supporto tecnico al personale infermieristico del comitato di gestione del Centro Sanitario di Kidal. “Organizziamo sessioni di formazione settimanali per sviluppare le capacità del personale sulle patologie più comuni. “.

L’unico centro sanitario di riferimento funzionante in tutta la regione, il il Centro Sanitario di Kidal è stato sostenuto dal 2015 dal CICR, che fornisce assistenza a uomini feriti da arma da fuoco e medicinali gratuiti per i bambini di età inferiore ai cinque anni, ricoveri e maternità.

Fonte: https://www.icrc.org/fr/document/mali-docteur-sogore-au-chevet-des-blesses-et-malades-kidal

Tags: ,
About

[@]direzione@svizzeri.ch
[T]+39 06 4402109
Avvertenze e Privacy
Società Svizzera S.S.D.
P.IVA 14081081003
C.F. 97707560583